Sono iniziate oggi le indagini di vulnerabilità sismica eseguite dal Comune di Narni sulle scuole di proprietà. L’indagine, spiega il sindaco Francesco De Rebotti, utilizza appositi fondi per 140mila euro stanziati dal Miur ed interessa 11 scuole sul territorio comunale. “Tali indagini – aggiunge – sono importanti per verificare lo stato di salute delle scuole individuate, al fine di poter poi procedere ad una eventuale progettazione e realizzazione degli interventi necessari affinché gli edifici scolastici siano sempre più sicuri”.

Per poter effettuare tali verifiche in tutta sicurezza, il Comune ha ritenuto necessario chiudere le attività didattiche. “Questa chiusura fuori programma – spiega sempre il sindaco – potrà portare disagi alle famiglie, soprattutto perché a ridosso delle festività natalizie, ma è un intervento necessario al fine di permettere al Comune una seria programmazione, economica e tecnica, degli interventi ancora da realizzare sulle scuole”.

 

Questa la tabella con le scuole interessate e i giorni di chiusura:

 

- Scuola Infanzia Capitone – 2 giorni – dal 10 all’11 dicembre

- Scuola Infanzia Taizzano – 2 giorni – dal 12 al 13 dicembre

- Scuola Primaria S. Lucia – 2 giorni – dal 17 al 18 dicembre

- Scuola Primaria Narni Centro – 2 giorni – dal 7 all’8 gennaio

- Scuola Infanzia Narni Centro – 2 giorni – dal 9 al 10 gennaio

- Scuola Media Narni Centro – 2 giorni – dal 14 al 15 gennaio – (Sezione CPIA

- Scuola Media Narni centro – 3 giorni – dal 16 al 18 gennaio (Scuola media)

- Scuola Infanzia di Taizzano – 2 giorni – dal 21 al 22 gennaio

- Scuola Primaria di Gualdo – 2 giorni – dal 23 al 24 gennaio

- Scuola Infanzia Santa Lucia e Scuola Infanzia La Quercia – 1 g – 26 gennaio

- Scuola Infanzia Schifanoia – 2 giorni – dal 28 al 29 gennaio