Punta su alta specializzazione, tecnologie d’avanguardia, team multidisciplinare e integrazione tra strutture ospedaliere la struttura di chirurgia bariatrica degli ospedali di Foligno e Spoleto. Che grazie “all’elevata professionalità” acquisita dall’equipe guidata dal dottor Marcello Boni, esperto in chirurgia della grande obesità – ricorda l’Usl Umbria 2 – e “all’importante contributo” fornito dal nuovo direttore della struttura complessa di chirurgia dell’ospedale di Foligno dottor Graziano Ceccarelli, viene definito “sempre più un polo di riferimento” anche per pazienti provenienti da altre regioni.

La struttura si avvale anche del robot DaVinci installato all’ospedale “S. Matteo degli Infermi” di Spoleto. L’Usl evidenzia ancora che “grazie ad una politica regionale ed aziendale orientata a promuovere una forte collaborazione ed integrazione tra i due nosocomi, ha già permesso di eseguire dieci interventi di bypass e mini bypass gastrico, con richieste in sensibile aumento.