E’ stato presentato questa mattina, in una conferenza stampa congiunta tra l’assessore Melasecche e l’assessore Salvati il “Progetto Terni verde 2018-2023”, definito dall’assessore all’ambiente Benedetta Salvati “la più importante operazione di piantumazione per la città con migliaia di nuove essenze vegetali scientificamente studiate, per il miglioramento della qualità dell’aria, per il miglioramento del paesaggio urbano e che prevede il coinvolgimento diretto dei cittadini. Tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo verranno piantati più di 200 alberi”.

Il progetto prevede cinque interventi a partire da via Lungonera Savoia che – ha detto l’assessore Salvati – “diventerà più sicura, più bella grazie agli 86 esemplari messi a dimora e più fruibile”. Il secondo intervento è stato definito di “Foresta urbana” secondo il modulo Terni che comprende sette tipi di alberature studiate per captare le polveri inquinanti: le specie sono state scelte considerando benefit ambientali (rimozione inquinanti, bassa emissione di COV, allergenicità, capacità di stoccaggio del C e di riduzione della temperatura ambiente), esigenze climatiche e stazionali. In particolare saranno interessate da operazioni di piantumazione tre aree della città: il parco Le Grazie, via Rossini, via Lessini con via Borzacchini.

Il terzo step riguarda interventi di riconessione urbana per dare continuità alle specie dei viali più importanti della città dove per effetto degli abbattimenti i vani sono rimasti vuoti.

La quarta fase è quella che l’assessore chiama “normale amministrazione” ma che – specifica “è stata trascurata”. Si tratta delle potature, della manutenzione delle fioriere che vedranno abbellirsi di violette”. Su questo fronte è stato anche ricordato il bando “Regala un albero alla tua città” che rende i cittadini protagonisti coinvolgendoli in una donazione per il verde pubblico.

Il quinto intervento si sostanzia nell’affidamento di gara per il verde pubblico che integra “in modo strategico il Progetto immagine e vivibilità del territorio per garantire risultati efficaci e visibili dalla cittadinanza”. La valorizzazione di questo progetto si esplica anche con l’intenzione di celebrare la Giornata nazionale dell’albero, il 21 novembre che “diventerà un appuntamento fisso in cui coinvolgere scuole e cittadini”.

“Stiamo attuando – ha evidenziato l’assessore Melasecche – un approccio organico con cui dimostriamo una cultura diversa con interventi organizzati e scientifici. I risultati ci saranno e dimostreremo con constanti report quanti alberi verranno sostituiti con alberi di grandi dimensioni che già fioriranno a primavera”. L’assessore ha anche dichiarato l’intenzione di unire i progetti di arredo urbano con quelli relativi al verde pubblico inserendoli nel Progetto immagine e vivibilità e ha annunciato la realizzazione di un nuovo parco tra via Gramsci e via Farini con un percorso ciclopedonale, l’ampiamento del parco Ciaurro con la realizzazione di nuovi giochi per i bambini e la riapertura del parco Le Grazie in tempi brevi.

“Infine – ha ricordato Melasecche- abbiamo realizzato una convenzione con l’Afor per la gestione del paesaggio e dei boschi con l’obbiettivo di valorizzare il patrimonio del territorio. Il nuovo approccio – ha ricordato l’assessore al decoro urbano – è quello di aprire alla collaborazione di privati e cittadini ed anche quello di garantire la manutenzione del patrimonio esistente”.

L’assessore all’ambiente ha anche ringraziato tutte le associazioni cittadine per l’azione di riqualificazione delle aree verdi e la manutenzione appassionata delle fioriere in città.