Implementazione tecnologica e potenziamento della pianta organica con l’ingresso di nuove professionalità: sono gli obiettivi di sviluppo della Struttura complessa di riabilitazione intensiva neuromotoria di Trevi che “si conferma – sottolinea l’Usl Umbria 2 – polo di eccellenza per il recupero funzionale, fisico e cognitivo di disabilità complesse”.

Il centro, guidato dal dottor Silvano Baratta, nell’ambito delle attività del dipartimento di riabilitazione diretto dal dr. Mauro Zampolini, si caratterizza per “numerosi punti di forza” che ne hanno “consolidato nel tempo il prestigio”: riconosciuta esperienza e competenza in ambito riabilitativo, cultura diffusa del sistema di gestione della Qualità, ampiezza della offerta riabilitativa, modello di lavoro in team multiprofessionale (medici, psicologa, infermieri, fisioterapisti, ergoterapisti, logopedisti, operatori socio sanitari), attenzione all’umanizzazione delle cure, alla formazione e alla didattica e propensione all’innovazione tecnologica.