Coinvolgerà 1.500 studenti delle scuole primarie e secondarie di Perugia, insegnanti e genitori, il progetto I love me contro la diffusione di alcol, fumo e droga tra i più giovani. Previsti incontri con esperti di medicina e psicologia. Ai ragazzi sarà poi chiesto di elaborare contributi video o grafici per trasmettere quanto hanno appreso a loro coetanei.

“Abbiamo individuato nei giovani il target dei progetti che la Regione Umbria sta sostenendo – ha spiegato l’assessore regionale Antonio Bartolini – perché educare un ragazzo, per quanto difficile, può dare risultati molto più importanti rispetto al tentativo di sensibilizzare degli adulti”.

Il progetto, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, è organizzato dalle Associazioni Aronc, Giacomo Sintini e Sostare in collaborazione con Regione, Dipartimento di radioterapia oncologica dell’ospedale di Perugia, facoltà di Medicina e chirurgia, Ufficio Scolastico regionale, Ordine dei medici, Comune, Coni e Federcalcio.