Nuovo passo in avanti, all’Ospedale di Terni, in direzione del potenziamento dell’Oncoematologia, con l’ampliamento della sede e la dotazione di nuove attrezzature donate dall’associazione “Terni x Terni anch’io”. Si tratta di due letti per la terapia chemioterapica e di altrettanti monitor per il controllo dei parametri vitali dei malati, che sono stati presentati, stamane, dal direttore sanitario dell’Azienda ospedaliera di Terni, Sandro Fratini e dalla direttrice della struttura, la prof.ssa Anna Marina Liberati, insieme al direttore del dipartimento di oncologia Ernesto Maranzano e ai rappresentanti della Terni x Terni anch’io – Fondazione aiutiamoli a vivere, Piero Frattaroli, Franca Barconi e Umberto Paolini.

Illustrati, inoltre, gli interventi di riqualificazione effettuati negli ultimi mesi nella sede di oncoematologia. “In particolare – ha spiegato il direttore sanitario Sandro Fratini – l’ampliamento della struttura, che oggi arriva a 635 mq, è stato ricavato sia da una ottimizzazione degli spazi della adiacente clinica di malattie infettive, sia dalla degenza di nefrologia, che si è spostata a piano terra unitamente al centro dialisi. Le due nuove stanze realizzate, una dedicata alla somministrazione della terapia che ospita i due letti donati e una che sarà organizzata per l’accoglienza, l’accettazione e i prelievi ematici, permetteranno di migliorare la gestione complessiva dei pazienti in trattamento chemioterapico, con particolare riferimento all’iter di accesso e di accettazione al day hospital e agli ambulatori di chemioterapia”.