L’Usl Umbria 2 diventa esempio in Italia nel campo del sistema di sorveglianza dello stato di salute dei cittadini: la strutturazione data dall’azienda all’Unità operativa di Sorveglianza e Promozione della salute è stata infatti individuata come “Miglior buona pratica a livello nazionale” nel corso di una giornata di studio e di approfondimento, con esperti provenienti dalle varie regioni, che si è svolta a Roma, presso il ministero della Salute.

L’iniziativa, nella quale è stato presentato un filmato con l’intervento del direttore generale dell’Usl Umbria 2, Imolo Fiaschini, è stata organizzata in occasione del decennale della nascita del sistema di sorveglianza della salute della popolazione “Passi”, Progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia. L’azienda sanitaria ternana – spiega una sua nota – è da anni inserita a pieno titolo nelle attività del Gruppo tecnico nazionale sulle sorveglianze, con lo staff guidato dal dottor Marco Cristofori, responsabile dell’Unità operativa.