Ha visto l’utilizzo di una innovativa modalità di svolgimento l’incontro scientifico che si è svolto nell’aula della formazione dell’Azienda ospedaliera di Terni sulla gestione delle infezioni intraddominali complesse e la terapia antibiotica dei germi multi-resistenti, che ha consentito ad operatori sanitari impegnati nella terapia delle patologie infettive di confrontarsi con altri esperti del settore superando ogni distanza.

La novità – spiega una nota dell’ospedale ternano – risiede nel “live distance learning”, che ha collegato la professoressa Daniela Francisci, direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale Santa Maria di Terni, e il professor Pierluigi Viale, direttore della clinica di Malattie infettive del Policlinico Sant’Orsola di Bologna, per la discussione “live” di alcuni casi clinici. Un forma di comunicazione inaugurata da due tra i centri universitari più antichi al mondo, l’Università di Bologna e quella di Perugia, in grado di rispondere alle esigenze della scienza attraverso un approccio interattivo a distanza basato sulle più moderne tecnologie web.

In particolare l’evento ha previsto la fusione della tecnologia web-meeting con quella dell’utilizzo della piattaforma “Dna project” per la fruizione dei contenuti scientifici in modalità interattivo-multimediale.

Quindi, stabilito il collegamento dei due centri, sono stati discussi i contenuti scientifici (casi clinici, update di letteratura scientifica ed altro ancora) attraverso una piattaforma in grado di espandere la partecipazione e l’esperienza pratica in “modalità sincrona”.

La società provider Ecm dell’evento è la MI&T srl mentre la società che si occupa delle attività multimediali tecnologiche è la Practice & Solutions srl.