Un nutrito programma di iniziative ha consentito di festeggiare – anche a Terni – il 71° Anniversario della Fondazione della Repubblica Italiana.

Le celebrazioni hanno avuto inizio alle 10 in Piazza Briccialdi dove, alla presenza del Prefetto della Provincia di Terni, Angela Pagliuca, della Vice Presidente della Camera dei Deputati, On. Marina Sereni, del Senatore Gianluca Rossi, del Vice Sindaco di Terni, Francesca Malafoglia, e di altre Autorità civili e militari hanno avuto luogo l’alzabandiera e la deposizione delle corone ai caduti.

Le celebrazioni sono proseguite nel pomeriggio in Piazza della Repubblica dove il Sottosegretario di Stato all’Interno, on. Gianpiero Bocci, ha passato in rassegna il Picchetto, le Rappresentanze, i Labari e i Gonfaloni mentre il Prefetto di Terni, Angela Pagliuca, ha dato lettura del messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Il Prefetto ha poi rivolto il proprio personale saluto alla comunità ternana, evidenziando l’esortazione del Presidente della Repubblica a promuovere le sinergie istituzionali necessarie a superare le attuali difficoltà.

Dopo aver affrontato i temi più importanti per la collettività – dai rapporti con le altre istituzioni all’immigrazione, alla sicurezza – il Prefetto ha rivolto il proprio ringraziamento alle Forze di polizia, ai Vigili del Fuoco, alle istituzioni locali.

Riferendosi, poi, agli eventi sismici che hanno colpito l’Italia il Prefetto ha sottolineato come si sia “potuto percepire una Nazione forte, un Paese coraggioso e ricco della necessaria fiducia nel futuro”.

Per dare adeguato risalto alla ricorrenza, si è proceduto alla consegna di una “Medaglia d’onore ai cittadini italiani deportati ed internati nei lager nazisti” e delle onorificenze “Al Merito della Repubblica Italiana” alla presenza dei Sindaci dei Comuni di residenza degli insigniti. Rivolgendosi ai giovani, il Prefetto di Terni ha auspicato che “queste celebrazioni non siano solo una testimonianza, un segnale effimero di attenzione da parte dello Stato, ma una lezione di vita per l’intera comunità e per i loro progetti futuri”.

Ed è stato un giovane studente, Massimo Bartolucci della classe 1^ A del Liceo “Artistico e Classico” di Terni, a leggere un brano tratto dal “Discorso sulla Costituzione” di Piero Calamandrei.