E’ operativa, da oggi, a Norcia, anche una squadra di Vigili del Fuoco dello Stato della Città del Vaticano. Ad inviarla, a supporto degli altri uomini già presenti nelle zone terremotate della Valnerina umbra, è stato Papa Francesco. Si tratta di cinque uomini, coordinati dall’Ing. Paolo De Angelis, dotati di un mezzo polisoccorso, che si sono affiancati agli altri Vigili del Fuoco, da tempo al lavoro nella zona terremotata per il recupero di beni artistici all’interno delle chiese crollate e per accompagnare le persone a prelevare oggetti personali nelle abitazioni lesionate.

«Siamo infinitamente riconoscenti al Papa – ha affermato l’arcivescovo di Spoleto-Norcia mons. Renato Boccardo – per questo ulteriore gesto di vicinanza alle popolazioni della Valnerina. Il Pontefice segue con attenzione le vicissitudini della terra di S. Benedetto ferita profondamente dal sisma. Tutti ricordiamo la sua presenza a S. Pellegrino di Norcia lo scorso 4 ottobre e la telefonata fatta il 2 novembre per assicurare la sua preghiera dopo le nuove scosse di terremoto. Ora ci invia i “suoi” Vigili del Fuoco e ha concesso che una squadra di restauratori dei Musei Vaticani s’impegni, gratuitamente, a riportare le opere d’arte prelavate dalle chiese crollate o lesionate al loro antico splendore. Questa prossimità del successore di Pietro – conclude mons. Boccardo – è per tutti motivo di grande speranza».