C’erano tante autorità, questa mattina, a Norcia, in occasione della riapertura delle scuole. A guidarle la Presidente umbra Catiuscia Marini, che ha sottolineato come l’evento rappresenti un importante segno di normalità per i ragazzi ed un segno di speranza per la città e tutta la Valnerina. “Un sentimento – ha aggiunto la Governatrice – che spinge tutti a guardare al futuro”. Alla cerimonia odierna ha presenziato anche l’assessore regionale Antonio Bartolini che ha seguito per la Regione il “dossier” relativo alle scuole dopo gli eventi sismici. A Norcia, stamane, erano giunti inoltre il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini ed il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, oltre alla presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Donatella Porzi, al sindaco di Norcia Nicola Alemanno e alla dirigente scolastica Rosella Tonti.

“La scuola – ha detto la Presidente Marini – rappresenta il punto principale di aggregazione di una comunità e della sua capacità di restare unita. Essere riusciti a realizzare questo obiettivo, riportare le ragazze ed i ragazzi di Norcia a scuola, ed in sicurezza è inoltre il segno di un grande gioco di squadra di cui ciascuno deve andare orgoglioso. Un risultato – ha sottolineato – reso possibile innanzitutto grazie a chi ha finanziato questa struttura, la Consulta delle Fondazioni delle Casse di Risparmio umbre. Qui – ha fatto rilevare la Presidente marini – hanno lavorato gli operai della nostra Agenzia forestale regionale, che con grande abnegazione e professionalità hanno predisposto in tempi record l’area. Grazie anche all’Esercito, che ha fornito e portato gli arredi ed a tutti i dipendenti pubblici, comunali e regionali, che hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato”.