Ammontano ad un milione 100 mila euro le risorse previste dal terzo Piano di intervento “Erosione spondale-Officiosità idraulica” approvato dalla Giunta regionale dell’Umbria su proposta dell’assessore all’ambiente Fernanda Cecchini. “Le risorse – ha spiegato Cecchini – che verranno assegnate ai Consorzi di Bonifica competenti per territorio quali soggetti attuatori, andranno a finanziare interventi per il consolidamento di argini di fiumi e torrenti o per rendere gli alvei dei corsi d’acqua idonei a contenere eventuali piene. La somma impegnata dalla Giunta – ha proseguito – è frutto di economie derivanti dai Piani di intervento, conclusi e rendicontati, per il superamento delle criticità causate dagli eventi meteorologici che avevano colpito l’Umbria nel novembre 2005. Si tratta di opere che vanno ad aggiungersi ai programmi già realizzati e che sono finalizzate a migliorare l’efficienza del reticolo idrografico regionale, mitigando il rischio idraulico e accrescendo le condizioni di sicurezza delle aree interessate”. I Consorzi avranno 150 giorni dalla comunicazione dell’atto per presentare alla Regione i progetti esecutivi o definitivi.