Attivati i 12 nuovi letti per la lungodegenza post acuzie, sono ora in arrivo altre otto poltrone per la predimissione dei pazienti e si è già al lavoro per l’ampliamento degli spazi dedicati al Pronto Soccorso e all’Osservazione Breve. Così la direzione dell’Azienda ospedaliera di Terni accelera gli interventi per risolvere il fenomeno dei letti in corsia e degli appoggi in altri reparti. I dodici posti letti – spiega il direttore sanitario Sandro Fratini – non sono certo sufficienti per risolvere il carico di pazienti, ma l’arrivo imminente di altre otto poltrone per la discharge room dedicata ai pazienti in fase di predimissione contribuirà ad alleggerire la pressione, riducendo i tempi attesa di quei pazienti che dal Pronto Soccorso devono essere ricoverati nei reparti di degenza.Stiamo poi velocizzando gli interventi per l’ampliamento e la ridefinizione degli spazi del Pronto Soccorso – aggiunge Fratini – che prevedono lo spostamento dell’Endoscopia digestiva al piano primo in prossimità del blocco operatorio, cosa che consentirà al Pronto Soccorso di acquisire altri 300 metri circa entro l’estate e di incrementare gli spazi dell’Osservazione Breve per quei pazienti che nell’arco di 24 ore necessitano di un inquadramento diagnostico-terapeutico ai fini di una eventuale dimissione o del ricovero. A ciò si aggiunge anche l’arrivo di nuovi strumenti diagnostici che saranno messi a disposizione del personale medico del Pronto Soccorso adeguatamente formato”.