Hanno vegliato per tutta la notte l’urna con le spoglie di San Valentino nella basilica dedicata al protettore degli innamorati, i fedeli che hanno bloccato il momentaneo trasferimento della reliquia in cattedrale come avrebbe invece voluto il vescovo padre Giuseppe Piemontese. Ieri sera i parrocchiani hanno fermato la processione che avrebbe dovuto portare le spoglie del Santo in cattedrale ponendo alcuni banchi intorno all’altare e unendosi in preghiera. Il vescovo ha tentato di mediare recandosi alla basilica ma ogni tentativo è stato vano. “Quello che abbiamo proposto quest’anno per la festa di san Valentino era un progetto bello per la città intera, condiviso da tantissima gente della città e di fuori, non condiviso da una parte della parrocchia di San Valentino e ostacolato con la prepotenza e violenza, ieri sera, da un esiguo gruppo di persone, che con premeditazione ha organizzato il tutto” commenta il vescovo Giuseppe Piemontese all’indomani della protesta dei parrocchiani. “Se non ci sarà un ripensamento all’ultimo momento da parte della parrocchia di San Valentino – conclude il vescovo – continueremo il programma della festa così come stabilito, ma senza l’urna rimasta nella basilica”. Intanto la Segreteria del Consiglio Pastorale Diocesano esprime “la sua solidarietà a Monsignor Giuseppe nostro vescovo successore di San Valentino in questo particolare momento di tentazione da parte di colui che mira a dividere quella Chiesa che San Valentino con la sua testimonianza e il suo sangue ha riunito intorno al Signore Gesù. Invitiamo tutti coloro di buona volontà ad accogliere l’invito del successore di San Valentino ad assumere un protagonismo creativo per una “operazione speranza” che possa far risplendere Terni come Città dell’Amore e della Comunione”.

Ora nella Cattedrale di Terni è stato esposto il busto contenente alcune reliquie di San Valentino, da decenni custodito nella chiesa madre della città di Terni e domani, domenica 14 febbraio solennità di San Valentino, alle ore 9 il corteo delle istituzioni cittadine partirà dalla sede municipale verso piazza Duomo. Alle 9.15 si terrà l’accoglienza delle istituzioni da parte del vescovo Giuseppe Piemontese quindi il passaggio della porta santa della Cattedrale di Terni. Alle ore 9.30 celebrazione del solenne Pontificale presieduto dal vescovo alla presenza dei sacerdoti della Diocesi, autorità civili e militari regionali, provinciali e cittadine e dei fedeli. Affidamento della città a San Valentino e cerimonia della consegna dei ceri da parte delle parrocchie di Terni. Resta in vigore la disposizione del Vescovo riguardo alla sospensione delle celebrazioni nelle chiese di Terni dalle 8.30 alle 12 del 14 febbraio per consentire la partecipazione dei sacerdoti e fedeli al solenne pontificale nella Cattedrale.