È una novità assoluta e molto importante l’accordo tra le Regioni sul riparto del fondo sanitario per il 2016, che avviene all’inizio di febbraio. Così come è altrettanto importante l’incremento del fondo di un miliardo di euro”. È quanto affermato dalla presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini al termine dei lavori della Conferenza delle Regioni, che ha raggiunto l’intesa sul riparto del Fondo sanitario per l’anno in corso. Quest’anno, dunque, le Regioni potranno tempestivamente contare sulla certezza delle risorse assegnate ai propri Servizi Sanitari regionali, consentendo alle rispettive Aziende Sanitarie di poter attuare un’adeguata programmazione economico-finanziaria. Il riparto 2016 prevede per l’Umbria un’assegnazione pari a 1.635 milioni di euro, facendo registrare un incremento rispetto all’anno precedente di circa 13 milioni di euro, pari allo 0,8%. Tale finanziamento include le risorse necessarie per l’adeguamento delle prestazioni ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, ulteriore nuova sfida per il Servizio Sanitario Nazionale. L’Umbria viene confermata anche per quest’anno Regione benchmark ai fini della determinazione dei fabbisogni standard insieme a Marche e Veneto, le stesse Regioni già individuate come riferimento per l’anno 2015.