L’azienda ospedaliera di Perugia ha contribuito in modo significativo a determinare gli ottimi risultati conseguiti dalla Regione Umbria in campo sanitario”: lo ha affermato la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini intervenendo con l’assessore regionale alla coesione sociale e al Welfare Luca Barberini all’incontro che si è tenuto nella sede del Creo, presso l’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, nel corso del quale sono stati illustrati i risultati conseguiti dall’Azienda ospedaliera. “L’Umbria – ha ricordato la presidente Marini – è stata collocata tra le regioni benchmark per la sanità per un’ottima tenuta dei conti e per gli aspetti organizzativi e gestionali, ci sono buone possibilità che lo stesso possa accadere per i livelli essenziali di assistenza”.

In merito alla stesura del Piano sanitario l’assessore Barberini ha precisato che l’azienda ospedaliera di Perugia “ha conseguito ottimi risultati anche per la continuità e ha reso ancor di più il nostro sistema sanitario attrattivo per altre regioni. Ma tutto ciò non ci basta – ha detto – e con il nuovo piano sanitario faremo scelte nette che dovranno tener conto degli standard stabiliti dal governo centrale. In particolare bisognerà favorire l’integrazione tra le aziende ospedaliere e gli ospedali di territorio anche per garantire un futuro a quest’ultimi. Ciò vale anche per la tecnologia per la quale l’Assessorato farà una precisa programmazione in modo da evitare duplicazioni e valorizzare al massimo gli investimenti”. Barberini ha poi annunciato che “metterà a disposizione delle aziende già per il 2015 le risorse del pay back farmaceutico per un importo di 15 milioni di euro da destinare all’innovazione e agli investimenti”.