Gli inquinanti nell’atmosfera rappresentano un grosso problema per gli effetti dannosi che possono provocare nei confronti della salute e dell’ambiente in cui viviamo e diventano ancor più nocivi in una situazione di prolungata siccità. L’inquinamento atmosferico è dovuto principalmente a traffico, emissioni industriali, riscaldamento domestico e proprio su questi fattori si è concentrata l’amministrazione comunale ternana predisponendo tre provvedimenti ed alcune agevolazioni che entreranno a regime con il nuovo anno. Dall’11 gennaio, quindi, per quanto riguarda il traffico, il Comune ha previsto, ogni lunedì e martedì, fino al 31 marzo, l’introduzione di una zona “zero” di circolazione, dove potranno passare solo i veicoli euro 5 e 6 e a trazione ecologica. Nelle stesse giornate sarà vietata la circolazione per i veicoli euro 0, 1 e 2, mentre gli euro 3 e 4 potranno circolare solo fuori dalla zona “zero”. In quest’ultima non sono compresi i grandi parcheggi e le strade principali che li collegano, consentendo così alle auto di raggiungere gli stessi parcheggi e usufruire, nelle due strutture sotterranee di corso del Popolo e San Francesco, di tariffe scontate fino al 50%. Si sta inoltre valutando con l’Asm l’introduzione del lavaggio delle strade per contenere l’effetto di sollevamento del Pm10. Per quanto riguarda il riscaldamento domestico, l’apposita ordinanza prevederà, invece, la riduzione di un grado della temperatura interna delle residenze (che si attesteràà così sui 18 gradi) e la riduzione di un’ora del funzionamento, per un massimo di 11 ore. Contemporaneamente verrà aperto un bando pubblico per erogare contributi per l’ammodernamento degli impianti domestici, con un incentivo complessivo di circa 70 mila euro. Infine, per il corretto smaltimento dei residui vegetali, l’ordinanza vieta la combustione privata su campi ed orti e ribadisce che l’Asm fornisce un servizio gratuito di recupero delle potature. Gli interventi saranno “strutturali”, visto che l’obiettivo è di ripeterli negli anni.