Possono arrivare anche fino a 500 euro le multe per chi favorisce la proliferazione dei piccioni, in particolare nella frazione di Poggio Aquilone. Lo stabilisce un’ordinanza del sindaco di San Venanzo emanata per cercare di ridurre la presenza dei volatili. Nell’ordinanza si vieta ai cittadini di dare cibo e si impone ai proprietari di edifici dove vi siano nidificazioni di eliminarne la presenza dei piccioni eseguendo a proprie spese le operazioni di chiusura degli anfratti e di ripulitura dal guano.