La sala convegni del CREO di Perugia (Centro Ricerche Emato-Oncologiche) ha ospitato la conferenza “Il delicato processo di Umanizzazione delle cure oncologiche – Presentazione del progetto terapeutico Compagno di Lettura” frutto della collaborazione tra Aucc onlus e Azienda Ospedaliera di Perugia. “La qualità della vita del paziente oncologico è di primaria importanza – afferma il dottor Paolo Catanzaro psichiatra e psicoterapeuta che coordina il servizio di psiconcologia dell’Aucc onlus – strettamente correlata con la efficacia delle terapie. Dare dignità al paziente malato di cancro significa affermare la sua identità, rafforzando qualitativamente il percorso assistenziale. Con la lettura effettuata da un gruppo di quindici giovani tirocinanti dell’Università di Perugia, in concreto si trasferirà l’attenzione del paziente dall’angoscia della malattia e delle cure, per trasferirla agli interessi della vita corrente.”

L’ascolto di brani da parte del paziente oncologico oggi viene articolato e diffuso, ma anche in passato era stata evidenziata l’urgenza di chi, colpito dalla malattia, ha necessità di restare ancorato alla vita – ha sottolineato nel suo intervento il dottor Vincenzo Minotti della struttura complessa di oncologia medica del Santa Maria della Misericordia. Ricordo – continua Minotti – che Carlo Emilio Gadda, uno dei più grandi scrittori del ‘900, prima di morire sollecitò che gli venisse letto un brano tratto da I Promessi Sposi”.

Il progetto “Compagno di Lettura” strutturato in modo mirato propone al paziente un tempo ricreativo e un avvicinamento attraverso la letteratura a stati d’animo, emozioni, sentimenti e pensieri costruttivi. La distanza letteraria rende possibile una mediazione professionale e mirata con un operatore formato in questo ambito. I giovani psicologi in formazione propongono, in una prima fase, ai pazienti un elenco di libri, chiedendo loro di sceglierne uno di loro gradimento per la lettura ad alta voce. Avverrà nella seconda fase la lettura ad alta voce. Questa durerà fino a 30 minuti, potrà riguardare generi diversi. Subito dopo la lettura il tirocinante psicologo lascia un tempo al paziente per commentare su quanto ascoltato. I cosiddetti compagni di lettura saranno quotidianamente presenti (dal lunedì al venerdì) per leggere ad alta voce a singoli o a gruppi di pazienti sia presso il Day Hospital oncologico, che nel reparto di degenza.