È ripresa in questi giorni, nella sede di Villa Umbra, l’attività dei 37 partecipanti alla decima edizione del corso di formazione nazionale per micologi organizzato dalla Scuola umbra di amministrazione pubblica in collaborazione con Regione Umbria, Associazioni micologiche dell’Umbria, Gruppo micologico Ternano, Valle Spoletana, Folignate, Eugubino, Circolo micologico naturalistico Perugino.

Il percorso formativo del corso nazionale per micologi ha l’obiettivo di preparare professionalmente gli operatori addetti alle funzioni di riconoscimento e controllo dei funghi epigei, freschi e conservati, per garantire la vigilanza sulla commestibilità dei funghi messi in commercio o per il consumo familiare. La Regione Umbria, sin dal 1996, si è impegnata nell’attuazione del corso di qualifica per Micologi previsto dal decreto ministeriale mettendo a valore un’eccellente esperienza di formazione in ambito micologico. Rispetto alle edizioni precedenti il programma è rimasto immutato nella sua struttura portante, pur prevedendo un sensibile incremento di ore dedicate all’attività pratica di determinazione guidata e cernita ispettiva a discapito di alcune ore di teoria. Lo staff didattico è costituito da docenti di caratura scientifica internazionale. Il corso, a carattere teorico-pratico, è articolato in due sessioni annuali, per un totale di 306 ore circa di cui 206 di pratica ispettiva comprendenti escursioni guidate in habitat e studio con materiale fresco. I corsisti provengono da Puglia, Lazio, Toscana, Umbria, Abruzzo, Calabria, Marche, Campania e Sicilia. La loro attività è suddivisa in tre gruppi di esercitazione nella determinazione guidata e cernita dei funghi, una parte del corso resa possibile dai circoli micologici umbri che forniscono varie specie di funghi provenienti da tutto il territorio regionale.

La Scuola ha realizzato questo percorso formativo con continuità e ottimi livelli didattici – ha evidenziato l’amministratore unico della Scuola, Alberto Naticchioni – tali da renderlo uno dei migliori corsi per micologi nel panorama nazionale. Dieci sono infatti le edizioni del corso realizzate sinora in Umbria per oltre 300 attestati rilasciati. Inoltre, da questa edizione, l’Ente nazionale di previdenza e assistenza a favore dei Biologi ha deciso di finanziare sei borse di studio per coprire la quota di iscrizione prevista per i due anni di corso”.