Preoccupazione viene espressa dalla Fiom-CGIL, in merito alla procedura di mobilità aperta dalla Società Ilserv, per le modalità e la poca chiarezza con cui la direzione aziendale intende riorganizzare il servizio, i reparti di competenza e di conseguenza gli organici. Alla richiesta della FIOM di intraprendere una discussione con la RSU ed eventualmente arrivare ad un accordo scritto su criteri e modalità di riorganizzazione, scrive in una nota il sindacato, dapprima l’azienda si è rifiutata poi, con uno scarno documento, ha affermato di dare valore alle relazioni industriali, salvo ribadire che gli organici si sarebbero modificati lo stesso per poi essere comunicati ai delegati di fabbrica. La Fiom ritiene questo comportamento inaccettabile e non condivide la procedura di mobilità aperta.