L’assessore regionale alla Caccia Fernanda Cecchini ha convocato per venerdì 28 agosto, nella sede dell’Assessorato, la riunione della Consulta faunistico venatoria di cui fanno parte rappresentanti del mondo venatorio, delle organizzazioni agricole, delle associazioni ambientaliste, delle Province di Perugia e Terni e degli Ambiti territoriali di caccia. “Con questa riunione, che è la prima della nuova legislatura – dice l’assessore – proseguiamo nel confronto che ha caratterizzato i passaggi cruciali dell’attività venatoria negli anni precedenti e che accompagnerà anche scelte e adempimenti da qui al 2020. Al centro dell’incontro – sottolinea – ci sarà, infatti, la pianificazione dell’attività per il quinquennio: ascolteremo in merito le proposte e le istanze delle associazioni. Aggiorneremo le informazioni sul processo di riordino delle funzioni amministrative in materia di caccia – aggiunge l’assessore – e riprenderemo anche il confronto sui calendari venatori. Siamo ormai alla vigilia della preapertura della caccia, con un contesto normativo nazionale che non ha ancora fatto chiarezza sull’interpretazione della direttiva comunitaria sulla conservazione degli uccelli selvatici, in particolare sui tempi di prelievo di alcune specie per le quali nella stagione passata ci è stata imposta dal Governo la chiusura anticipata. Una problematica – ricorda – su cui abbiamo chiesto ai ministri dell’Ambiente e delle Politiche agricole di valutare possibili azioni da sostenere in sede europea per un’effettiva uniformità di applicazione dei provvedimenti in materia, conclude Cecchini, almeno per quei Paesi che condividono caratteristiche simili per ecosistemi e clima”.