Europa chiama Umbria”, questo il tema dell’incontro organizzato dall’Associazione Casartigiani di Terni. Il Presidente Regionale di Casartigiani Ivano Emili ha ribadito propria posizione critica rispetto all’area di crisi complessa. “Siamo critici perché non esiste né una strategia, né una programmazione, né un progetto o meglio più progetti che da esse discendano e che siano misurabili in termini di obiettivi, tempi, costi e risultati attesi. L’impressione di chi opera quotidianamente facendo impresa, ha sostenuto Emili, è che si ripeta ancora una volta la stessa musica e cioè si continui ad operare nell’emergenza, pensando solo all’oggi, all’eterno presente e non al futuro, alle nuove generazioni avendo la memoria del passato. La proposta di Casartigiani è quella di ribaltare questa impostazione. Noi vogliamo costruire futuro e vogliamo farlo soprattutto per le nuove generazioni. Promuovere una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, trovare il modo di creare occupabilità ed imprenditorialità. Queste sono le priorità della Strategia Europa 2020 e queste devono essere le nostre priorità. Costruire un futuro sostenibile e guardare sin d’ora oltre il breve termine. È questo l’obiettivo della strategia Europa 2020 e questo deve essere il nostro obiettivo. Per raggiungere questi obiettivi – ha continuato Emili – abbiamo un formidabile strumento a portata di mano: la Programmazione 2014/2020. Sia quella diretta (Fondi gestiti dalla Commissione Europea), sia quella indiretta (Fondi gestiti dalla Regione Umbria). In questo percorso – ha concluso Emili – a differenza del passato, Casartigiani e tutto il mondo della Piccola e Media impresa vuole e deve essere protagonista.”