Non è stato semplice, per la giuria, scegliere quale, fra i cinque carri in concorso, meritasse la palma di migliore. Alla fine il ‘Panno del Maggio’ della 119^ edizione del Cantamaggio ternano è andato al carro dei Giovani maggiaioli arronesi, intitolato “La preziosa primavera”. 2° classificato “Luna maliziosa” dell’Associazione Orion Casali di Papigno e 3° classificato “La primavera del mare” de Gruppo maggiaiolo Nuova Compagnia Teatro città di Terni. Il premio della critica, assegnato da una giuria di giornalisti e operatori dell’informazione, è andato al carro “La città che sale” del gruppo maggiaiolo Polymer-Pallotta-Sabbione. “Nonostante i timori legati al meteo – spiega il presidente dell’Ente Cantamaggio ternano Omero Ferranti – la serata è pienamente riuscita. La città risponde sempre, anche perchè i carri, quest’anno di particolare qualità, rappresentano da sempre un elemento di forte agggregazione. Ora l’obiettivo è andare oltre, proseguendo l’opera di rinnovamento del Cantamaggio”. Ma il Cantamaggio non si ferma ai carri. La sfilata dei mini carri, che coinvolgerà oltre 1.200 bambini delle scuole dell’infanzia e primarie, si terrà lunedì 4 maggio alle ore 15 in centro poi la sfilata si concluderà al camposcuola Casagrande. Appuntamento domenica 3 maggio al quartiere Polymer (ore 17) con la ‘Festa de Maggio’, venerdì 15 e sabato 16 maggio (ore 17) al Villaggio Casali di Papigno per ‘Maggio de ‘na vorda’. Ultimo capitolo del Canta e Ricantamaggio – il festival della tradizione e della musica ternana, rigorosamente ‘live – è rappresentato da ‘Fiori di Maggio’ (8 maggio, ore 16, teatro Secci), a cui parteciperanno le scuole primarie e secondarie. Il concorso della poesia maggiaiola ‘Poeti e Terni’ – premio Alighiero Maurizi, si terrà mercoledì 6 maggio, alle ore 21 negli spazi del teatro Secci.