Questa mattina si è riunito il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto Gianfelice Bellesini. Un incontro per esprime dolore e cordoglio per la tragica morte di Giulio Moracci e testimoniare il plauso ed il compiacimento delle istituzioni per l’immediata risposta investigativa. Nell’occasione il Comitato ha svolto un’ampia valutazione sulle condizioni della sicurezza in città e sulla loro evoluzione in relazione alle nuove strategie di prevenzione e contrasto della criminalità avviate negli ultimi mesi. Per quanto riguarda le rapine in abitazione, i dispositivi di controllo del territorio e di prevenzione anticrimine sono stati ritenuti complessivamente adeguati alle esigenze del contesto, pur non consentendo ovviamente di poter escludere in maniera assoluta la consumazione di singoli e non prevedibili episodi. Per tali motivi l’attività di vigilanza da parte delle forze di polizia va affiancata e sostenuta da altre forme di prevenzione, è stato detto, volte da una parte all’individuazione dei soggetti dediti ad attività delittuose e dove possibile al loro allontanamento, dall’altra a rafforzare una rete diffusa di sicurezza solidale ed integrata che incentivi la collaborazione fra le forze di polizia statali e locali, gli istituti di vigilanza, i servizi comunali, la cittadinanza attiva e i singoli privati, con l’obiettivo di segnalare tempestivamente eventuali presenze o movimenti sospetti ma anche di diffondere utili norme di cautela e di comportamento finalizzate alla riduzione dei pericoli. “In questo territorio si sta facendo tutto il possibile – ha detto il Procuratore della Repubblica di Terni Cesare Martellino – sul piano del controllo e della vigilanza con le risorse disponibili.”