Maggiore vigilanza negli edifici giudiziari e nuove telecamere nei punti sensibili della città: è quanto deciso nel corso del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è tenuto oggi a Terni. Durante l’incontro, presieduto dal prefetto Gianfelice Bellesini, anche alla luce dei recenti fatti avvenuti a Milano, sono state prese in esame le misure di sicurezza delle sedi giudiziarie cittadine, che a breve diventeranno due a seguito del trasferimento, tuttora in corso, degli uffici della procura a palazzo Gazzoli. E’ stata quindi programmata, d’accordo con il procuratore generale presso la Corte d’appello di Perugia, presente all’incontro, l’installazione di metal detector e di tornelli agli accessi, il potenziamento dei sistemi di videosorveglianza interna ed esterna, ingressi separati per il pubblico e per magistrati, personale ed avvocati muniti di badge elettronici, oltre al rafforzamento della vigilanza esterna da parte delle forze dell’ordine. La discussione – spiega una nota della prefettura – si è poi spostata su un primo bilancio delle attività di controllo del territorio pianificate, su sollecitazione del prefetto, nelle seduta del Comitato del 24 marzo. Nell’ultimo mese, è emerso durante l’incontro, la polizia e i carabinieri hanno controllato oltre 5.500 persone, sono stati espulsi dal territorio nazionale 18 cittadini extracomunitari ed emessi 11 provvedimenti di allontanamento nei confronti di cittadini comunitari illegittimamente presenti sul territorio, oltre a 15 fogli di via obbligatori. E’ stata registrata una “significativa” riduzione dei delitti, che, in base a quanto emerge dai dati forniti dal comando provinciale dei carabinieri, sono diminuiti di circa il 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In particolare, i reati contro il patrimonio sono scesi di circa il 20%. La polizia municipale ha intanto avviato il servizio di prossimità lungo le vie del centro cittadino che si è aggiunto al poliziotto e carabiniere di quartiere. Nell’ambito del progetto “Patto per Terni sicura” è stata infine approvata l’installazione di telecamere “dome”, che possono ruotare di 360 gradi orizzontalmente e di circa 100 gradi verticalmente, così da poter essere utilizzate per inquadrare o “zoomare” situazioni particolari. Le prime saranno posizionate, entro l’estate, in via Tre Colonne-vico del Pozzo, piazza dei Bambini e delle Bambine, piazza dell’Olmo, via Fratini, piazza San Francesco.