Ha preso il via nei giorni scorsi, da Palazzo Cesaroni, a Perugia, la campagna di comunicazione promossa dal Corecom Umbria e dalla Sezione ‘Educazione alla cittadinanza’, in collaborazione con il Compartimento regionale della Polizia Postale e delle Comunicazioni, per promuovere un uso responsabile e positivo dei nuovi media. Si tratta del progetto “Educare alla rete”, rivolto a ragazzi e ragazze dagli 11 ai 16 anni.

Il suo scopo è quello di creare un polo di riferimento per la realizzazione di programmi di educazione e sensibilizzazione, finalizzati ad assicurare un utilizzo positivo e consapevole dei nuovi media.

Ma l’iniziativa, oltrechè ai giovani, si rivolge anche ad una vasta platea di adulti, che siano genitori o insegnanti. I più piccoli saranno invitati a raccontare la loro esperienza on line in maniera giocosa, per condividere i lati buoni e meno buoni della rete, con lo scopo, però, di approfondire alcuni punti fondamentali sull’utilizzo consapevole di internet che vanno dalla privacy al cyberbullismo, passando per pedopornografia e videogiochi.

Nell corso dell’iniziativa si è parlato dell’importanza di limitare l’esposizione di dati personali o immagini nella rete e dell’enorme volume di affari (legali è stato sottolineato, perché accettando le regole dei social si dà comunque il proprio consenso) innescato dalla pubblicazione in rete dei propri dati personali, gusti e inclinazioni.

Positivo il giudizio della presidente del Corecom Umbria, Maria Gabriella Mecucci: “Il nostro duplice intento – ha detto – è quello di parlare ai giovani dei rischi della rete, e la polizia postale lo ha fatto con tutta la sua competenza, e capire attraverso questa esperienza quale possa essere la percezione che i giovani hanno della rete e cosa pensano di essa. Sono state raccolte delle informazioni molto importanti per tutti – ha concluso la Presidente del Corecom umbro – in particolare, per i ragazzi e per le scuole”.

Dopo questa prima fase di analisi e stesura del progetto, è stata definita una strategia basata sugli strumenti di comunicazione più adatti e efficaci per la promozione nel web del progetto stesso, con l’obiettivo di sviluppare la visibilità sui social media e diffondere le attività e i contenuti elaborati, tra cui un blog finalizzato all’aggregazione e condivisione di tutti i contenuti, la creazione di un format di comunicazione virale attraverso i social network. Si prevede la creazione di un sito web “Educare alla rete” che sarà collocato in una pagina del sito Corecom Umbria, nonché una campagna di comunicazione attraverso i social network e la realizzazione di cortometraggi da parte di alcuni istituti scolastici umbri di secondo grado, sul tema: “La rete ti pesca? Usa la testa”.